Prossime mostre

Sublime

Sublime
by Monica Chiusano

La trasparenza dell’essere, molto spesso,diviene essenza della sua eleganza … Persino l’immagine più sospetta può divenire quindi la silhouette più identificabile di una femminilità annunciata, dove l’imperfezione può invece conquistare la perfezione.Rebecca Russo , con la sua geniale maestria nell’immortalare le immagini più significative e farne tesoro, è riuscita a creare davvero una mostra sensazionale. È così che si plasma allora originalità con cultura, fascino e scienza, dando vita quindi ad una vera e propria “SUBLIME” avventura nella vita dell’essere, dell’arte nell’arte. L’innovazione di questa idea, che Rebecca Russo ha curato con estremo amore e dedizione, ha dato un rilievo di eccellenza alla sua sì ormai nota capacità versatile di creare e mostrare, ma ci fa intravedere soprattutto la sua sensibilità d’animo come quella sua forte carica emotiva che in questo viaggio tra passato e presente, dove la sua interminabile tappa alla ricerca minuziosa di lastre antiche negli archivi storici dell’Ospedale Ortopedico Rizzoli di Bologna, ha davvero dato vita ad un raffinatissimo senso di armonia tra epoca antica e arte futuristica.

Il contrasto dei bianchi e dei neri, del positivo e del negativo , cattura l’immaginazione dello spettatore, che percorre piacevolmente ed emotivamente un sentiero dove persino la patologia ortopedica assume i tratti della magnificenza che avvolge indubbiamente la mente in tutte le sue più affascinanti sfaccettature.

Non potete mancare a questo appuntamento, che in qualche modo ci rappresenta tutti, persino nella consapevolezza di una negatività recondita che grazie a questo “sublime” passaggio visivo può divenire invece luce propria.

Vogliamo ringraziare particolarmente i due direttori dell’istituto: la D.ssa Maria Paola Landini e il Dr. Mario Cavalli per aver approvato questa mostra spettacolare!

14foto 25,5x352

Sublime

SUBLIME

SUBLIME è l’anima segreta del corpo delle cose.
SUBLIME è il valore aggiunto.
SUBLIME è l’eleganza dell’essenzialità, la bellezza chiara, rivelatrice di nuova visione, la brillantezza.
SUBLIME è il sommo trascendente grado del bello.
SUBLIME è nobiltà della purezza, è l’opera d’arte vivente, vissuta, che si rivolge alla suscitazione dell’essenza dell’animo umano all’interno del corpo, sublimando il dolore in scrigno prezioso.
SUBLIME è benessere psicofisico, pura vitamina psichica rinfrescante.
SUBLIME è valore virtù : il SUBLIME innato che porta alla delizia, all’estasi oltre l’imperfezione corporea, emotiva, logica, è bellezza, armonia, simmetria nell’asimmetria.
SUBLIME è il trionfo della scoperta, la meraviglia, l’immagine sanatrice, è la vittoria sullo scoraggiamento.
SUBLIME è stimolo, influsso potente che trasforma il nero negativo in vitalità bianca positiva.
SUBLIME: dal disprezzamento negativo all’apprezzamento positivo, l’autoaffermazione, così la forma perde il suo aspetto limitante costrittivo e acquista totale dignità.
SUBLIME è l’azione d’urto e la liberazione.
SUBLIME è nudità, percezione nuda e pura, quasi erotica che abbraccia la vita nel suo totale mistero, è trasparenza, innocenza; è autenticità, rivelazione.
SUBLIME è spogliarsi di schemi preconcetti pregiudizievoli pre-confezionati. Il SUBLIME conduce a tollerare l’ombra, l’ambiguità, l’oscurità ed essendo sfumatura concilia gli opposti, le sublimi contraddizioni della vita. E’ la Trascendenza in cui gli opposti si scambiano.
SUBLIME è la capacità di vedere somiglianze nascoste. E’ Segreto alchemico.
SUBLIME è Ispirazione, Creatività, Curiosità, Ricchezza, “Reframing”: mettere in una cornice differente la struttura della realtà: alleggerimento, luminosità, trasfigurazione del corpo, amore, educazione, danza, nuova sensazione, percezione, flessibilità, è nuovo ritmo, passo, postura, azione.
SUBLIME è scienza, curare con le mani, arte, ondeggiare le mani fra le nuvole, forza e delicatezza del corpo che diventa sublime alleato.
SUBLIME: opere virginali e sensuali, crudeli e squisitamente dolci, emozioni, sentimenti, pensieri, impulsi enigmaticamente opposti.
SUBLIME è la bellezza e il piacere che rifiutano di essere posseduti definitivamente.
SUBLIME è l’esperienza umana dal corpo materico al corpo essenziale, l’espressione della voce interiore, la spontaneità.
Ed ecco che il busto si trasforma in corsetto, la maschera è pizzo: il sublime elisir, cipria, profumo.
E dall’ombra, dall’inconscio emerge la luce, la consapevolezza, la maestosa potenza del Sublime: Insight!

Giovanna Giovannelli
per Videoinsight Foundation® | Istituto Ortopedico Rizzoli

Schermata 2018-04-06 alle 16.22.53

Sublime

Ispirata, mossa dal destino, da un’attrazione inconscia, da una curiosità intellettuale, mi ritrovai a varcare la soglia del Laboratorio Fotografico dell’Istituto Ortopedico Rizzoli per scoprirne l’incredibile contenuto. “Sublime!”, questo esclamai guardando per la prima volta un negativo su lastra di vetro risalente all’inizio del secolo scorso. Al primo sguardo una fortissima emozione si creò nella mia anima. Contemplai commossa l’immagine. Risultò magnifica, eccelsa, in senso estetico, intellettuale, etico, spirituale. Sperimentai interiormente una fascinazione misteriosa, un contagio puro, che trascese la contemplazione del bello, divenendo valore altissimo, eccellente. Fui sorpresa, meravigliata, folgorata dalla risorsa che stavo scoprendo. Fu colpo di fulmine, amore a prima vista.

Cos’è il Sublime? E’ il sentimento, l’effetto di un’opera o di un oggetto sull’animo umano. Sublime, dal latino sublimis (sub, “sotto”, e limen, “soglia”) è ciò che giunge fin sotto la soglia più alta, ciò che è ‘al limite’. L’immenso e originale patrimonio di Fotografia Medica Ortopedica, classificato cronologicamente e custodito in centinaia di antiche e impolverate scatole, oltre che rappresentare una straordinaria risorsa storica e scientifica, si rivelò ai miei occhi sublime materiale artistico, antico e contemporaneo.

I negativi che documentavano i pazienti in differenti fasi evolutive, nelle loro patologie, nel loro decorso clinico e trattamento terapeutico, sorte come riproduzioni del reale prive d’intenzionalità artistica, ri’fotografate nel presente risultarono al primo sguardo Opere d’Arte Contemporanea non premeditate. L’Arte si fa riconoscere per quello che è, ha una sua identità, una sua natura, un valore universale. Turba, si fa percepire con la ragione e con il sentimento. Crea una diversa interpretazione della realtà, una presa di coscienza, una visione interiore, un’intuizione, un’illuminazione, un insight. I soggetti rappresentati, con le loro peculiari caratteristiche estetiche, posture e imperfezioni corporee, mostravano un’intrinseca bellezza, una dignità senza tempo, immortale, circolare, essenziale, universale.

Percepii di essere entrata in contatto con un tesoro, un organismo in divenire, una creatura vitale con proprie declinazioni. Sognai questa mostra, la costruii con visionarietà prima dentro di me.

ll Sublime è un processo. Immaginai di inserire nella dinamica del Sublime alcune di queste straordinarie fotografie, rimaste per cento anni immobili, inerti, nascoste, sia fisicamente, mettendole in movimento, trasportandole dal buio sotterraneo alla luce del sole, che spiritualmente, creando un flusso che proseguisse nella mente e nelle emozioni di chi ne avesse fruito, sublimandole in Arte. L’intenzione fu quella di rompere gli schemi, travalicare gli spazi, irrompere trasversalmente, svelare, trasformare il negativo in positivo, il dolore in estasi, la malattia in bellezza. Il percorso aprì uno squarcio tra i mondi, tra le dimensioni del passato e del futuro, dell’invisibile e del visibile, del rimosso e del cosciente, della Scienza e dell’Arte. Ne scaturì una luce ‘sublime’. Ricavare le immagini in positivo da quelle in negativo fu tremendamente entusiasmante. Il disvelamento dei volti, dei dettagli, delle sfumature provocò in me stupore, meraviglia, incanto. Un’Opera d’Arte per esistere deve essere vista, deve essere visibile. Vidi Arte in queste immagini, per questo volli portarle alla luce. La mostra attuale, frutto di un’immersione profonda, di una ricerca, di un riconoscimento, è una scommessa sul futuro, oltre che un omaggio al passato. Impatta potentemente. E’ rivoluzionaria e innovativa, è frutto di una passione, di una scelta istintiva, inconscia e al contempo riflettuta e ponderata, che capovolge le prospettive, crea domande, interroga, apre una ricerca, congiunge pubblico e privato, esteriore e interiore, apparente e intimo. Sperimentai per prima su me stessa, come persona, filantropa, curatrice e collezionista d’arte, l’esperienza del sublime causata da queste fotografie. Esse contengono verità, quella della vita. Provocano, disorientano, turbano. I pazienti del secolo scorso, fotografati in modo seriale nel setting ospedaliero, si rivelano oggi, dal punto di vista dell’Arte, muse e modelli di una dimensione altra, onirica e visionaria. I loro corpi esprimono dignità e mistero; come statue rievocano le forme classiche delle opere antiche di Leonardo da Vinci o di Lorenzo Bernini; quelle contemporanee di Robert Mapplethorpe o di Vanessa Beecroft; quelle della moda proposte da Christian Dior o Jean Paul Gaultier. I corsetti ortopedici utilizzati per correggere, compensare e contenere l’apparato locomotore richiamano alla mente le opere Ready Made di Marcel Duchamp, le fotografie di Man Ray, le installazioni d’Arte Concettuale e d’Arte Povera. I soggetti appaiono simili a performer, a potenziali protagonisti di tableaux vivants, di Body Art, di Arte Fluxus, attori inconsapevoli di una pièce teatrale. Le immagini acquistano significato simbolico, sono frutto della trasfigurazione della vita in Arte, raccontano l’indicibile con una forza icastica universale, atemporale. Appaiono assolutamente contemporanee, risultato di ricerche e sperimentazioni innovative, in divenire; sono prova della capacità espressiva umana, raccontano un’esperienza, meravigliano, toccano il cuore, lasciano il segno. Questa mostra sarebbe probabilmente piaciuta a Frida Kahlo, artista – paziente che integrò nella sua opera Medicina Ortopedica, dolore e Arte. Risulta una profezia auto – avverantesi anche nella mia storia personale: nella pubertà fui per un breve periodo una paziente ortopedica costretta a portare un corsetto, soffrii e trovai nell’Arte la via per la sublimazione.

Che Sublime sia!

Rebecca Russo

_DSC7371 rebecca

Sublime | Maggio 2018

SUBLIME: in mostra le foto dell’Archivio Storico del Rizzoli di Bologna,
pezzi unici tra Arte e Scienza

Inaugura il 17 Maggio nell’Ala Monumentale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna “Sublime”, Mostra Fotografica curata dalla Fondazione Videoinsight®. Una selezione tra le migliaia di immagini custodite nell’Archivio Storico dell’Ospedale, che fin dalla sua fondazione nel 1896 fu dotato di un laboratorio fotografico per la realizzazione di scatti professionali: il paziente veniva ritratto nei diversi momenti della malattia, così da tenere traccia anche visivamente della progressione delle cure. Ogni cartella clinica conteneva quindi, insieme ai referti dei medici e agli esiti degli esami diagnostici come le radiografie, anche una serie di fotografie del paziente, che rappresentano oggi una documentazione unica dal punto di vista scientifico, ma anche un materiale di valore artistico.

La Fondazione Videoinsight®, che lavora sull’integrazione tra Arte Contemporanea e Medicina, ha progettato un allestimento che accompagna il visitatore attraverso le linee dei corpi, gli sguardi, i particolari dei dispositivi ortopedici applicati, che rappresentavano le eccellenze tecnologiche dell’epoca.

“La mostra proposta dalla Fondazione Videoinsight® è un appuntamento importante per valorizzare il patrimonio fotografico storico del Rizzoli – commenta il Direttore Generale dell’Istituto Mario Cavalli – Vengono messi in evidenza il valore e l’unicità di questo materiale, ma con uno sguardo diverso, quello dell’Arte, che coglie idee e mondi fatti di bellezza anche in un contesto di cura, l’essenzialità dei particolari e la raffinatezza delle immagini che vanno oltre il tempo, il senso di una e tante storie che ancora oggi è possibile raccontare e ricordare.”

“Sublime! Questo esclamai guardando per la prima volta un negativo su lastra di vetro risalente all’inizio del secolo scorso. Contemplai commossa l’immagine. Risultò magnifica, eccelsa, in senso estetico, intellettuale, etico, spirituale. Sperimentai interiormente una fascinazione misteriosa, un contagio puro, che trascese la contemplazione del bello, divenendo valore altissimo, eccellente. Fui sorpresa, meravigliata, folgorata dalla risorsa che stavo scoprendo. Fu colpo di fulmine, amore a prima vista – Questo afferma Rebecca Russo, Presidente della Fondazione Videoinsight®, ideatrice e curatrice della Mostra – Cos’ è il Sublime? E’ il sentimento, l’effetto di un’opera o di un oggetto sull’animo umano. Sublime, dal latino sublimis (sub, “sotto”, e limen, “soglia”) è ciò che giunge fin sotto la soglia più alta, ciò che è ‘al limite’. L’immenso e originale patrimonio di Fotografia Medica Ortopedica, classificato cronologicamente e custodito in centinaia di antiche e impolverate scatole, oltre che rappresentare una straordinaria risorsa storica e scientifica, si rivelò ai miei occhi sublime materiale artistico, antico e contemporaneo. I negativi che documentavano i pazienti in differenti fasi evolutive, nelle loro patologie, nel loro decorso clinico e trattamento terapeutico, sorte come riproduzioni del reale prive d’intenzionalità artistica, ri-fotografate nel presente risultarono al primo sguardo Opere d’Arte Contemporanea non premeditate. L’Arte si fa riconoscere per quello che è, ha una sua identità, una sua natura, un valore universale, turba, si fa percepire con la ragione e con il sentimento. Crea una diversa interpretazione della realtà, una visione interiore, un’intuizione, un’illuminazione, un insight. I soggetti rappresentati, con le loro peculiari caratteristiche estetiche, posture e imperfezioni corporee, mostravano un’intrinseca bellezza, una dignità senza tempo, immortale, circolare, essenziale, universale.”

La Mostra è allestita nell’Ala Monumentale dell’Ospedale Rizzoli (via Pupilli 1, Bologna), nel Chiostro Ottagonale affrescato dai Carracci e nella Sala Viseur.

L’inaugurazione è in programma giovedì 17 maggio alle ore 18, la mostra resterà aperta fino al 30 luglio con orario 9-19 dal lunedì al venerdì (ingresso libero).

32foto 36,5x50
32foto 36,5x502

Phoenicia Hotel Art Photo Prize 2018

The Phoenicia Hotel Beirut,
in collaboration with the Videoinsight® Foundation,
launched the ‘Phoenicia Hotel Art Photo Prize’ Edition 2018/2019

Jury Panel:

Rebecca Russo
Roger Moukarzel
Tarek Nahas
Mazen Salha
Najib Salha

12 Months : 12 Photographers : 12 Art Photos

One photographer per month is invited to the Phoenicia Hotel to produce one Art Photo during a one-night stay.
An annual exhibition, displaying all 12 Art Photos, will be held at the end of the year. A judging panel will announce the winner for the year at the launch of the exhibition.
The Phoenicia Hotel is a place where anything can happen.
It could be magical, romantic, creative, intriguing, inspiring, mysterious.The lobby is a lively theatre of life. The hotel seeks imagination to grace its doors.
Behold the 12 special hotel guests with a unique gift! With the click of their fingers, prepare to be enchanted.
The captured scene is transformed into art.

PHAP Exhibition Second Edition 2017/2018
Opening Cocktail Party : 15th March 2018 6pm – 8pm
RSVP info@p-h-a-p.com

PHAP 2018/19 year in progress. Applications open.

http://www.p-h-a-p.com/home

Schermata 2018-03-13 alle 14.46.19