Mostre in corso

MOCAK, Krakow

MOCAK
Museum of Contemporary Art | Krakow

Art in Art
Opening 27.04.2017 6 pm
28.04.2017 – 01.10.2017
by Delfina Jałowik, Monika Kozioł, Maria Anna Potocka

Simon Fujiwara, Ewa Juszkiewicz, Katarzyna Kozyra, Marcello Maloberti, Shahar Marcus, Orlan, Jana Sterbak and others

Ewa Juszkiewicz ‘After Louse Elisabeth Vigee Le Brun’ 2015 |Rebecca Russo / Videoinsight® Collection

https://en.mocak.pl/art-in-art

EWA J. ALTA DEF BWA Repro obrazy (184 of 1) 20150914

Phoenicia Hotel Art Photo (PHAP) Competition

Phoenicia Hotel Art Photo (PHAP) Competition

Rebecca Russo is Honorary Member of the Judges Board for the Phoenicia Hotel Art Photo (PHAP) Competition.
Building once again on its established reputation as an Art Hotel and supporter of artistic talent, the Phoenicia Hotel announces the launch of the Phoenicia Hotel Art Photo (PHAP) competition.
This initiative invites one artist per month to enjoy complimentary room and board for a night at the Phoenicia Hotel and to create a work of art using the medium of photography during the experience. Participating artists will compete for a grand prize of USD 5,000, which comes with a quirky twist: the prize money will be increased by the same amount in dollars as the room number allocated to the winning artist during their stay.
Judging of the 12 pieces of photo art will take place at the end of each year and will be followed by an exhibition of the works.
A limited edition of five prints of each of the 12 works will be made available for sale during the exhibition, with part of the proceeds going to the photographers and part to charities of their choice.
For info visit www.p-h-a-p.com or email us on info@p-h-a-p.com
One photographer per month is invited to the Phoenicia Hotel to produce one Art Photo during a one-night stay.
An annual exhibition, displaying all 12 Art Photos, will be held at the end of the year. A judging panel will announce the winner for the year at the launch of the exhibition.
The Phoenicia Hotel is a place where anything can happen.
It could be magical, romantic, creative, intriguing, inspiring, mysterious… With the click of their fingers, prepare to be enchanted. The captured scene is transformed into art.
The judging panel includes the globally exhibited photographer Roger Moukarzel, Art Collector Tarek Nahas and Rebecca Russo, Art Collector, President of the Videoinsight® Foundation

logo

Videoinsight® Magazine 2016 | 7

Videoinsight® Magazine 2016 | 7

Artissima 2016 | Sublimazione Subliminale. Maria José Arjona al Centro Videoinsight®.

La Fondazione Videoinsight® wwww.fasv.it, nell’ambito di Artissima 2016, con Opening in data 4 Novembre 2016, presenta cinque video e una serie di fotografie tratte dalla produzione performativa dell’artista Colombiana Maria José Arjona.

Al di sotto della soglia di apprendimento e consapevolezza, si ordinano meccanismi ancora ignoti, elementari tasselli di circuiti inesplorati, strumenti per conoscenze di là da venire: labirintici ai nostri sensi e alla ragione, materie di studio per finora impensate scienze future, temi per indefinite e infinite forme dell’arte.

Terre promesse e, allo stesso tempo, galassie: qui, echeggia la risonanza multidimensionale di ogni evento. La zona umana è più di una costellazione complessa, per altra concezione e concessione. Se, ad un primo stadio del ritorno, decidiamo di ripopolarla e frequentarla con autenticità, ritroviamo l’illuminazione aurorale, in nudo codice.

Il concetto di subliminale, se assunto come categoria informante, può veicolarci in questo passaggio fondamentale della nostra ricerca. E non soltanto: la persuasione che tale modello implica, opaca per natura e definizione, sarà il fulcro su cui muovere le leve della percezione, per interrogare le corde della nostra acquisizione di dati nell’universo sensibile. È questo il tentativo, la tentazione, di Maria José Arjona: presentare distintamente l’intuizione che si fa sostanza, mostrare l’atto in quanto argomento. L’azione diventa metonimica a ritroso: una parte per il tutto e, allo stesso tempo, tutt’uno nella parte.
Nell’occasione di Artissima 2016, la collezionista e mecenate Rebecca Russo dedica a Maria José Arjona una Solo Exhibition presso il Centro Videoinsight®, in collaborazione con Prometeo Gallery (Lucca, Milano).

La mostra di fotografie e video d’artista e’ a cura della Fondazione Videoinsight®.

Artista nata a Bogotà nel 1973, attiva a New York, la performer Colombiana si misura con la propria presenza: in luogo, movimento, relazione e confronto. Letta secondo il Metodo Videoinsight®, la sua pratica estetica traduce in un simbolismo pregnante sia il gesto che il movimento, formulando una particolare esplicitazione della cifra linguistica, una sequenza documentaria, tanto frammentaria quanto libera e svincolante, della nostra attività di comunicazione. Si tratta di un processo di analisi, individuazione e restituzione – totalizzante e interdisciplinare nell’utilizzo degli elementi temporali spaziali immaginari – attraverso il quale l’autrice sonda il risolto e l’inespresso, il detto e il sommerso, lasciando aperte le porte dell’interpretazione, focalizzando e spostando costantemente i punti di vista dal dentro al fuori, dal soggetto all’oggetto.

big_arjona

Maria Jose’Arjona ‘Right at the center, there is silence’ 2012 Courtesy Videoinsight® Collection

Right at the Center, There is Silence, performance dal ciclo Active Voice, rappresenta una situazione immortalata, l’immortale sospiro di un tratto di pausa. Il pericolo è ovunque, su ogni lato, ai confini dell’equilibrio centrale.

x-web-5-maria-jose-arjona-agent-encoding-flow-2014-photograph-glossy-print-on-forex-120-x-140-cm

Maria Jose’Arjona ‘Agent / Encoding / Flow’ (2014) Courtesy Videoinsight® Collection

Assistendo alla visione di Agent / Encoding / Flow (2014), ci pare di essere di fronte alla concretizzazione di un’ispirazione poetica. L’interazione è quadruplice: privata, coordinata tra agenti, ritmico-musicale e di supporto. Il medium è contaminato dalla visualizzazione di una sorta di sistema binario, riportato alla luce a posteriori, e dall’apparizione di parole-chiave, slogan privati d’effetto, decontestualizzati. La danza ripropone passi di radice atavica, accostati al nuovo ed al plausibile della contemporaneità. Le frazioni sono dilatate, l’opera sembra sancire nella registrazione l’interminabile esito della propria stessa prassi: pretesto verbalizzato.

maria-jose-arjona-spirit-2015-courtesy-the-artist-and-prometeogallery

Maria Jose’Arjona ‘Espiritu’ (2014) Courtesy Videoinsight® Collection

Espiritu (2014) vuole essere più di un incontro: un soffio, un sussurro, un affetto del cuore in un cerchio di spettatori, di visite, di sguardi. Il contatto è effettivo già dalla distanza, eterno ed infinitesimale a partire dall’attimo del principio, dal primo rapporto emozionale.

1-1-maria-jose-arjona-all-the-others-in-me-milan-2012-milan-italy-video-color-sound-2328

Maria Jose’Arjona ‘All the others in me’ (2014) Courtesy the Artist

Con All the Others in Me (2012), l’abbigliamento di Maria José Arjona si fa interiorità, tessuto di rimando, dichiarazione intima. Ecco che l’investitura rituale si attua dal profondo, in negativo, dove la coscienza dell’alterità viene assunta, riscoperta gradualmente poiché connaturata. Anche il volto si “ritrae”, pian piano. I momenti di abbandono dell’abito sono talvolta tralasciati, quali tracce del discorso personale, poi sociale, infine collettivo: memoria di un oblio.

1-maria-jose-arjona-birdcage-2015-glossy-print-on-dibond-70-x-100

Maria Jose’Arjona ‘Birdcage’ (2015) Courtesy the Artist

Birdcage (2015) non è l’istante congelato che salta agli occhi ad iniziale impatto, bensì il senso disciolto, liberato dopo la composizione. Soluzione, ideata e riprodotta dall’interno della gabbia, per un’evasione originaria in cruda luce: assoluta perché affrancata dalla dicotomia di verità e illusione.

Magia della sublimazione!

Ivan Fassio